Ognuno di noi ne possiede uno…

Ognuno di noi lo usa per il 70% della giornata…

Ognuno di noi lo cambia ogni 2-3 anni….

Di che si tratta? Del cellulare ovviamente. Ma come un piccolo strumento come il cosiddetto “telefonino” è diventato un tool così potente?

Attraversiamo l’iter storico insieme. 

EXCURSUS STORICO

Nel 1973 nasce il primo telefono cellulare prodotto dal brand Motorola. Le dimensioni con il passare degli anni sono andate via via riducendosi sino ad avere cellulari che stavano nel palmo di una mano (ce lo ricordiamo tutti L’NGM Vanity), per poi ritornare ad essere grandi (pensiamo all’iphone 11 pro) . Ma le sue funzionalità sono proliferate ed oggi il cellulare è anche più utilizzato del personal computer. Se inizialmente avevamo i tasti numerati a cui corrispondeva una combinazione di lettere, passate attraverso il favoloso T9, oggi la tastiera qwerty dei pc,  anima i nostri touchscreen.

LO SMARTPHONE

Non parliamo più quindi di telefonini o cellulare ma di smartphone (cellulare intelligente), in grado di fotografare, registrare video, fare acquisti sugli e-commerce, e tra un pò riuscirà anche a prepararci il caffè! 

I motori di ricerca, o più in generale i siti si sono adattati a questa nuova condizione di egemonia “cellularesca” e hanno creato delle versioni cosiddette “Responsive” cioè che si adattano a qualsiasi display. Le aziende si sono rese conto che la maggior parte della giornata degli utenti viene trascorsa sullo schermo le cui proprietà principali sono “Immediatezza” e “Onniscenza”. I clienti possono essere raggiunti ovunque e in modo veloce. Tutto ciò ha portato alla nascita delle “APPLICATIONS” per abbrivare “APP”, disponibile nello store di ciascuno smartphone e che eliminano lo step di ricerca sul browser rendendo immediato l’uso ricercato dall’utente. 

A cura di Carlotta, rubrica SOCIAL ME.

 

0 shares
Previous Post

“Il blog e i contenuti multimediali”

Next Post

MISTER SOCIAL CARD: “Alessandro Coppola”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *